La libertà

ovvero chi è libero dentro è libero ovunque

Per wikipedia la liberta è “Per libertà s’intende la condizione per cui un individuo può decidere di pensare, esprimersi ed agire senza costrizioni, ricorrendo alla volontà di ideare e mettere in atto un’azione, mediante una libera scelta dei fini e degli strumenti che ritiene utili a realizzarla.”.Per me la libertà è una condizione mentale primariamente, indipendentemente dalla condizione fisica, nella quale posso pensare senza condizionamenti alcuni. In questo contesto di quarantena questo modo di pensare mi sta aiutando molto perchè credo che per chi non riesce ad attuare questo stato mentale stia difficilmente adattandosi alla situazione della quarantena.Un grande esempio che da piccola mi ha colpito è stato Silvio Pellico. Egli faceva parte dei “Federati”, che lottava con idee risorgimentali contro l’egemonia austriaca imperante in Italia ( che a quel tempo era solo una idea).Dopo un processo si prese 15 anni di carcere duro lui e 20 anni a Maroncelli; durante la detenzione scrisse il famoso libro “Le mie prigioni” che costò all’Austria come una battaglia persa in campo a livello di immagine.In questo caso egli dimostrò bene che nonostante la detenzione la sua idea di libertà non era prigioniera e grazie al suo libro diede una notevole spinta al Movimento Risorgimentale a cui dobbiamo l’Italia come la conosciamo oggi.Pertanto conservatela nel vostro cuore la libertà come il valore più caro.

SARS-Cov-2: diario della quarantena

COVID-19 — SARS-Cov-2 VIRUS

Non è una semplice influenza come ci avevano detto all’inizio. https://www.ilgiornale.it/news/politica/scienza-ora-divisa-follia-solo-uninfluenza-1831123.html

dal 7 marzo che è stata istiutita la richiesta STATE IN CASA sono uscita 3 volte. Oggi è il 27 marzo e ogni giorno apro gli occhi e spero che sia stato un brutto sogno. Scorro le notizie sullo smartphone ancora prima di prendere il caffè e i notiziari di tutto il mondo riportano sempre bollettini sconfortanti sui contagi.

Dopo un mese e tre giorni tutto il mondo si è accorto che non lo è. E anche la popolazione mondiale; siamo ad una spiacevole, per usare un eufemismo, svolta epocale dei modi di vivere e di sentire gli altri e noi stessi; di percepire che l’Umanità è solo un ospite di questo Pianeta e che esso ci butta fuori quando vuole. Un virus. E’ bastato un virus per mettere in ginocchio l’Umanità e tutti i suoi castelli di carte di tecnologie, scienza, potere ed economie. Ogni data sulle agende di jognuno di noi non ha più significato, tutte a data da destinarsi; anche il tempo assume un significato diverso: tutti chiusi in casa, puliamo sul pulito e ci chiediamo semplicemente quando finirà mentre persone come noi continuano a garantirci un minimo di normalità con il loro lavoro.

E poi ci sono i Sanitari che ogni giorno si giocano la pelle come alla roulette russa, con la paura di portare il virus a casa e contagiare i loro cari. Lavorando con la carenza dei DPI, che ci auguriamo finisca presto; dove il mondo effimero della moda si è prontamente convertito in produttori di mascherine e tute per fronteggiare questa enorme ondata di sfiga;

https://www.corriere.it/economia/moda-business/20_marzo_24/calzedonia-converte-tre-stabilimenti-produrre-mascherine-camici-8b61b732-6de3-11ea-9b88-27b94f5268fe.shtml

ma non solo, sinanco la Ferrari ha convertito la produzione per i respiratori; https://www.almanacco.org/2020/03/20/la-ferrari-converte-la-produzione-costruiti-an che-respiratori-e-ventilatori/

Anche questa volta la creatività italiana aiuta moltissimo a riparare ai disastri e questo mi rende orgogliosa di essere Italiana

.

from March 7 that the request STAY AT HOME was established I went out 3 times. Today is March 27th and every day I open my eyes and hope it was a bad dream. I scroll the news on my smartphone even before having coffee and the news from all over the world always report disheartening bulletins on the infections. It is not a simple influence as we were told at the beginning. https://www.ilgiornale.it/news/politica/scienza-ora-divisa-follia-solo-uninfluenza-1831123.html

After a month and three days the whole world realized that it is not. And also the world population; to put it mildly, to put it mildly, an epochal turning point in the ways of living and feeling others and ourselves; to perceive that Humanity is only a guest of this Planet and that it throws us out whenever it wants. A virus. A virus was enough to bring Humanity and all its castles of technology, science, power and economies to their knees. Every date on the agendas of jognuno of us no longer has meaning, all to date to be set; time also takes on a different meaning: all closed in the house, we clean on the clean and we simply ask ourselves when it will end while people like us continue to guarantee a minimum of normality with their work.

And then there are the health workers who play their skin every day like Russian roulette, with the fear of bringing the virus home and infecting their loved ones. Working with the lack of PPE, which we hope will end soon; where the ephemeral world of fashion has quickly turned into producers of masks and suits to face this huge wave of bad luck….

https://www.corriere.it/economia/moda-business/20_marzo_24/calzedonia-converte-tre-stabilimenti-produrre-mascherine-camici-8b61b732-6de3-11ea-9b88-27b94f5268fe.shtml

but not only that, Ferrari has also converted production for respirators; https://www.almanacco.org/2020/03/20/la-ferrari-converte-la-produzione-costruiti-an che-respiratori-e-ventilatori/

Also this time Italian creativity helps a lot to repair disasters and this makes me proud to be Italian!

le città vuote per il coronavirus……empty cities for coronavirus ……

https://www.skylinewebcams.com/it/webcam/italia/toscana.html

The moments of crisis

The moments of crisis lead us to test ourselves where we are lacking; Destiny or whoever will put on the plate what we despise or do not want. It is then that,

by making an excellent qualitative leap, we can put a good face on a bad game and move on; make what are our peculiarities to appreciate what we can’t manage to swallow.