Da un evento pandemico ad un evento globale

24 febbraio: Inizio dell’invasione russa dell’Ucraina.(fonte:wikipedia)

Questo evento non solo sta cambiando il modo di vedere i Paesi coinvolti ma bensì tutto l’assetto socioeconomico e culturale globale.

La pandemia ha coinvolto tutti, nel bene e nel male, ci ha obbligato a cooperare insieme per una malattia che sta decorrendo pian piano da pandemica ad endemica.

L’invasione della Russia ai danni della Ucraina è stata inaspettata per chi non segue la politica socioeconomica mondiale ma non per coloro che la seguono.

Erano anni infatti che si preparava un simile attacco con modalità diverse:

  • economicamente, cercando di rendersi inattaccabili alle Sanzioni UE inevitabili e sinceramente prevedibili;
  • politicamente a livello interno, tappando la bocca a tutti coloro che dissentivano dal pensiero putiniano e del suo entourage;
  • socialmente tramite una campagna, utilizzando i mass media, veicolando informazioni difformi dal reale facendo passare il Paese invaso come una fucina di terroristi.

Purtroppo i politici della UE non sono stati lungimiranti in merito, specialmente quando nel 2014 ci fu la prima invasione ai danni di un Paese Libero dovevano svegliarsi, invece si sono resi dipendenti dagli

Si è voluto chiudere gli occhi davanti alla strage del popolo ceceno (1994-1995), come alle denunce di Amnesty International hanno documentato più di 5 mila sparizioni forzate dal 1999 nella Cecenia occupata. Questo atteggiamento del Cremlino ha favorito e rafforzato il terrorismo di matrice islamica ceceno.

I politici Italiani che nel 2022 si meravigliano delle decisioni del Signore del Cremlino si dovrebbero ricordare che il 21 ottobre 1999 un missile colpì il mercato nel centro della città di Groznyj, provocando la morte di 140 persone in prevalenza donne e bambini.

Il 23 ottobre nel teatro Dubrovka di Mosca 40 militanti armati hanno preso in ostaggio 850 persone e il 26 ottobre, con totale indifferenza per l’incolumità degli ostaggi, il Signore del Cremlino ordinò di diffondere il fentanyl nell’intero teatro; questo causò la morte per SOFFOCAMENTO di 33 militanti armati e di 129 ostaggi inermi; quasi tutti, circa 700, rimasero intossicati e oggi vivono con disabilità causate da tale fentanyl.

Nel 2011 la Corte Europea per i Diritti dell’Uomo di Strasburgo condannò la Russia a pagare oltre un milione di euro di risarcimenti per violazione della Convenzione sui Diritti Umani.

Vi consiglio di leggere questo articolo illuminante prima di dare la colpa ad un paese che da più di venti anni era indipendente e sovrano

Con tutto ciò non voglio dire che del Covid non c’è più niente: il Covid è solo l’inizio della resistenza biologica del nostro Pianeta alla nostra fottutissima specie invadente e poco rispettosa; se non impareremo ad essere rispettosi del Pianeta e degli Altri le cose cambiano e non è detto in meglio.

Author: BellaPezz

IT specialist & Lore's mum

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.